Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina “Informazione sui cookie”

Riconoscimento

 

Carlo Maria Martini
Cardinale di Santa Romana Chiesa
Arcivescovo di Milano

Ai Membri dell’Associazione
Fraternità ss. Pietro e Paolo
Via Teano 36
Milano

 

    Conosco da molti anni l’esperienza dei Gruppi di Ascolto Ecclesiali Missionari ss. Pietro e Paolo, che hanno avuto origine dall’impegno ecclesiale della Missione Operaia ss. Pietro e Paolo (MOPP) a partire dagli anni ’70. Ho seguito con simpatia e interesse il cammino dei Gruppi, che si è via via precisato anche con il prezioso aiuto di Mons. Damiano Marzotto Caotorta.

    Non posso, quindi, che cogliere con favore la decisione di dare una più intensa configurazione ecclesiale all’esperienza maturata in questi anni con la costituzione di un’associazione privata di fedeli denominata  Fraternità ss. Pietro e Paolo,  che ha come scopo di unire la familiarità con la Parola con quella verso i problemi sociali in un’ottica missionaria.  Si tratta di una finalità che coglie una particolare urgenza per l’intera Chiesa di oggi, chiamata ad annunciare il Vangelo in un mondo spesso lontano e indifferente, ma in cui, comunque, è all’opera nel cuore delle persone lo Spirito del Signore. Molto apprezzabile  mi sembrano anche gli elementi che caratterizzano la Vostra spiritualità e la Vostra azione: la sensibilità al tema dell’unità della Chiesa, l’attenzione agli ambienti popolari, l’approfondimento e la diffusione della conoscenza della dottrina sociale della Chiesa, la  testimonianza  della vita fraterna. Penso che dobbiate sentire come un Vostro particolare compito quello di aiutare le comunità parrocchiali in cui siete inseriti a maturare nella sensibilità a questi aspetti della vita e della dottrina cristiana.

    Avendo  fatto esaminare lo statuto che mi avete presentato e avendo sentito il parere di esperti e di persone che vi conoscono, ritengo che l’Associazione  Fraternità ss. Pietro e Paolo  sia da considerare, a norma del can. 299, § 3, associazione privata di fedeli, secondo quanto previsto dal Codice di diritto canonico.

    Ho fatto depositare copia dello statuto e della presente lettera presso la Cancelleria arcivescovile, a cui chiedo di far pervenire anche il nominativo del Presidente, che vi rappresenta anche presso la nostra Diocesi, e l’elenco dei Gruppi locali in cui si articola l’Associazione.  Provvederò, inoltre, a confermare il Consigliere spirituale scelto dalla Fraternità

    Vi chiedo, infine, di continuare a mantenere i contatti con il Responsabile dell’Ufficio per la Pastorale del lavoro e di far conoscere la Vostra presenza ai Vicari episcopali delle Zone ove operano i Gruppi.

    Vi benedico di cuore.
     Vostro nel Signore
                                               (fir.to )
Carlo Maria Card. Martini

Milano, 23 maggio 1999
Festa di Pentecoste
Prot. Gen. N.  17        (f.to) Cancelliere arcivescovile